Ralph DTE

Bringing art into engineering

La nazione come il Monopoly

Scritto da Raffaele Berardi il 19 dicembre 2011

Rubrica: I comportamenti dei mercati

Titolo o argomento: Capire come funziona il mondo che ti circonda

Una nazione, che dir si voglia, è una grande impresa che produce beni e servizi, che esporta beni e servizi e che importa beni e servizi. Le tre cose interagiscono in una sorta di meccanismo che dovrebbe, in linea teorica, mantenere un equilibrio. Un equilibrio che si pone in relazione anche con le altre nazioni del mondo con cui interagisce. Per rendere la spiegazione più che mai semplice e breve vi porgo all’attenzione un esempio che potrebbe riesumare qualche bel ricordo…

Avete mai giocato con il Monopoly? Avete mai concluso una partita? Avete mai vinto o perso? Ebbene vi sarete accorti che all’interno della confezione del Monopoly vi è un “tot definito” di denaro finto. Ogni volta che il vostro avversario si arricchisce, voi automaticamente vi state impoverendo, o viceversa. Questo perchè la somma del vostro denaro, più quello del vostro avversario e della banca è sempre la medesima. Vi è solo un equilibrio che si sposta in base alle vostre capacità di gioco ma anche, ammettiamolo, in base a colpi di fortuna indipendenti dall’abilità (vedi ad esempio le proprietà che ti capitano casualmente ad inizio gioco, o le tessere degli imprevisti e le probabilità che scoprite durante il gioco). Insomma il denaro non scompare, semplicemente raggiunge destinazioni differenti in base a come si sposta l’equilibrio.

Se volessimo espandere il Monopoly fotocopiando i soldi finti, allo scopo di prolungare il gioco o di tentare di aumentare le capacità di spesa dei giocatori, potremmo sperimentare cosa sia l’inflazione e capirne gli effetti in modo molto intuitivo. Inoltre aumentando la quantità di denaro finto presente nella confezione (e quindi nella banca) si potrebbero espandere le regole del gioco con dei prestiti e vedere cosa succede, come va a finire.

Oppure potremmo avere più confezioni di Monopoly poste ognuna su un diverso tavolo (ipotizzando che ogni tavolo sia una diversa nazione) e quindi con una moltitudine di giocatori che, invece di giocare in modo indipendente, iniziano ad interagire esportando ed importando proprietà, denaro, beni e servizi sotto determinate condizioni.

Ora siete in grado di immaginare quanto possa essere difficile, di per sé, mantenere tutti questi equilibri in modo corretto. Se a questo poi si aggiunge che chi regola questi meccanismi non sempre compie le scelte giuste, hai una visione più chiara e semplificata della realtà. Questo Natale, se giocherai a Monopoly, sono sicuro che lo guarderai in modo diverso.

 monopoly.jpg

Versione originale del Monopoly della Parker Brothers Real Estate Trading Game.
Lo scatto è stato eseguito da noi secondo la tecnica dello Still Life.

Commenti disabilitati per questo articolo. Se desideri pubblicare un commento contattaci pure.