Ralph DTE

Bringing art into engineering

Archive for the ‘DIY Do It Yourself’ Category

Il fantastico mondo del fai da te visto, attraverso curiosi spunti, senza dimenticare l’importanza della preparazione e delle competenze.

Do It Yourself – Piccole grandi soddisfazioni: la chitarra elettrica

Posted by Raffaele Berardi on 26 ottobre 2016

Rubrica: DIY – Do It Yourself

Titolo o argomento: I vantaggi inaspettati della formazione extra…

Ebbene sì, sono andato a martorizzare pure la chitarra. Non so spiegare bene ma ho come la sensazione di possedere realmente un oggetto solo nel momento in cui ho imparato a conoscerlo a fondo. Non ho mai sentito la chitarra così mia come quando sono stato costretto ad averne particolare cura, conoscendola più a fondo per smontarla in tutte le sue parti (non l’avevo mai fatto prima). Studiare anche la Meccatronica oltre la Meccanica pare stia dando inaspettati frutti. Ovviamente scherzo, la parte elettrica di una chitarra è in realtà piuttosto semplice e la Meccatronica l’ho aggiunta ai miei studi per ben altri motivi, ma pare che comunque… sia molto più utile di quanto pensassi. Certo è che più sei formato (specie sulla pratica) e più possibilità hai di essere “libero”.

Un bel giorno una levetta che mi permette di modificare il suono emesso dalla chitarra elettrica, smette di funzionare. Questa parte si chiama “selettore” e permette di scegliere quali pick-up della chitarra elettrica utilizzare. I pick-up, per intenderci, sono dei dispositivi in grado di trasformare le vibrazioni delle corde in impulsi di tipo elettrico.

Le prime volte che il selettore ha presentato dei problemi era sufficiente stuzzicarlo un po’ e si rianimava senza indugio; con il tempo, invece, ha smesso di dare segni di vita generando sguardi di ilare insofferenza nel mio maestro di musica. Dopo alcune settimane e una nutrita gamma di colorite parole atte ad esprimere l’insostenibilità della situazione, mi sono deciso e mi sono informato sui costi del ricambio e della manodopera. Ho scoperto così che il ricambio ha tutto sommato un costo contenuto (una ventina d’Euro) mentre la manodopera, giustamente, va più su. Il lavoro implica lo smontaggio di tutte le corde, l’apertura delle cover (superiore e inferiore), il dissaldamento dei cavi elettrici e la sostituzione del pezzo. La curiosità è stata più forte di me ed ho deciso di tentare da solo (con l’aiuto di un esperto radiotecnico a me particolarmente caro).

Operando una prima ispezione ci siamo accorti che il selettore non mostrava alcun danno e non era necessario sostituirlo. Grazie ad un comune multimetro (tester) abbiamo osservato che vi era continuità su tutti i suoi contatti. Il problema, ben più banale, anche se piuttosto fastidioso e ingannevole, proveniva invece dalla qualità delle saldature, alcune delle quali risultavano, come si usa dire in gergo, fredde. Ciò significa che non conducevano elettricità a dovere e, in taluni casi, non conducevano affatto. Pulite e ripristinate le sedi dei contatti del selettore ed effettuate nuove saldature, la chitarra ha ripreso a funzionare regolarmente, con nostra grande soddisfazione ed alla modica cifra di 0 Euro. Piccole grandi soddisfazioni per ogni Do It Yourselfer : )

Link correlati

Piccole grandi soddisfazioni: la caldaia di casa
Piccole grandi soddisfazioni: la chitarra elettrica

Selettore pick-up chitarra elettrica Selettore pick-up chitarra elettrica Potenziometri volume e toni chitarra elettrica Pick-up Humbucker Potenziometri chitarra elettrica Parti chitarra elettrica Minuteria chitarra Saldature chitarra elettrica Saldature chitarra elettrica Chitarra elettrica rimontata Chitarra elettrica rimontata Chitarra elettrica rimontata

Posted in DIY Do It Yourself | Tagged: , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Do It Yourself – Piccole grandi soddisfazioni: la chitarra elettrica

La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione

Posted by Raffaele Berardi on 15 giugno 2015

Rubrica: Così è la vita

Titolo o argomento: Risolvere i problemi dell’Italia da soli

L’istruzione e la formazione

E’ risaputo che in Italia la formazione universitaria teorica è ai vertici mondiali per la qualità dei contenuti, per le nozioni insegnate e per come gli studenti sono chiamati ad ingegnarsi e a trovare soluzioni autonomamente al fine di affrontare il loro percorso di studi (anche se solo in pochi riescono a trarre una reale utilità da questo terzo punto; più avanti nella lettura, infatti, vi sembrerà un paradosso che sia possibile trarre importanti utilità da un sistema che in realtà non mostra la volontà di fornire un set completo di strumenti allo studente).

E’ altrettanto risaputo però che l’Università in Italia non ne vuol proprio sapere di coniugare teoria e pratica, dotando in troppi casi gli studenti di enormi capacità teoriche ma di scarsi strumenti per portare a termine un progetto da soli concretizzandolo. Per farlo sono costretti nella maggior parte dei casi ad andare all’estero in paesi ove si verificano situazioni esattamente opposte, ovvero dove ci sono menti rigide, generalmente poco abili nel problem solving, ma molto pratiche una volta che sono instradate in una direzione valida.

Nonostante timidi tentativi dell’Università italiana di iniziare a coniugare il mondo degli studenti con il mondo del lavoro e dell’impresa, è evidente da problematiche come quelle trattate nei nostri articoli (vedasi la sezione “Articoli fondamentali” della pagina STUDIO) che non si vuole concedere agli studenti la totalità degli strumenti utili per fare da soli. Si cerca quindi di renderli sempre dipendenti da qualcosa, da qualcuno e, prevalentemente, da realtà già esistenti che deficitano di menti nuove e che ne hanno bisogno per mantenersi in vita e non essere surclassate dai nuovi rampanti. Come a dire, in soldoni, che si cerca la collaborazione addomesticata degli studenti piuttosto che una sana competizione con essi (la quale produrrebbe reale innovazione tecnologica e sociale, minori spese per le famiglie, migliori servizi e maggiore libertà*).

Il fatto è che solo in rari casi gli studenti brillanti (che, attenzione, non sono necessariamente solo quelli che conseguono votazioni alte, bensì anche quelli che hanno menti brillanti a 360° su una media di parametri teorico-pratici e quindi nello studio e nelle capacità necessarie a concretizzare le parole, le idee, le teorie…) trovano quello che meritano. Sto parlando ad esempio di ottimi mentori che insegnino loro i segreti del mestiere (almeno una parte introduttiva utile come avviamento di qualità salva-errori grossolani), la praticità, i metodi che l’esperienza ha fornito loro per risolvere numerosi problemi; sto parlando di una retribuzione adeguata (non immotivatamente alta ma proporzionata e rispettosa del valore fornito da una mente ad un’azienda), di un trattamento e di una stima adeguata (senza esclusione di conflitti né alimentata da teatrali perbenismi, bensì densa di esperienze di vita utili a crescere, continui confronti, eventuali disaccordi ma nel rispetto condiviso delle parti). Non che si pretendano lussi e vizi (altrimenti il rendimento, è risaputo, calerebbe drasticamente in tempi ridotti) ma almeno valorizzare e stimolare in maniera intelligente a far meglio, a dare sempre il massimo, a spostare il limite di volta in volta un pelino più avanti rendendosi conto che non si sa tutto (si può al limite solo crederlo in una fase iniziale di non completa maturazione) ma almeno l’Università (e magari prima, nel nostro caso, un istituto tecnico o professionale) avrà preparato anche alla realtà oltre che alla pura e incompleta teoria.

In Italia il confine tra il concetto secondo il quale l’Università non ti deve insegnare nulla ma ti deve fornire un’ottima infarinatura di base, affinché tu possa poi studiare da solo, ed il concetto secondo il quale invece è bene abbinare sempre la pratica alla teoria, al fine di avere una preparazione più completa che renda libero lo studente di intraprendere, è molto sottile ed equivocabile (spesso motivo di ampi dibattiti).

*Spesso ci si laurea con buoni propositi ma non si hanno gli strumenti per realizzare i propri progetti e quindi si va a lavorare per terzi. Quando si iniziano a proporre reali innovazioni ecco che arrivano le prime risposte negative, i primi “no” incomprensibili per il giovane che, in molti casi, deciderà presto di arrendersi dato che sta mettendo su famiglia, che la moglie gli chiede di non insistere, che vive la gioia di un nuovo piccolo arrivato in casa… E così, come sostenuto dal protagonista del film “This must be the place, Paolo Sorrentino, Italia, Francia, Irlanda, 2011”, Cheyenne (interpretato da Sean Penn), lo sai qual è il vero problema? Che passiamo senza neanche farci caso dall’età in cui si dice “Un giorno farò così”, all’età in cui si dice “E’ andata così”.
Il motivo dei “no” risiede, nei casi peggiori, in “giustificati” timori delle principali figure di impresa di contravvenire a precedenti accordi di mercato quali ad esempio cartelli, monopoli, alternative poco gradite, controllo della domanda e dell’offerta, ecc.

Esempi di risposte logiche

Primo esempio

Ho parlato di recente (e negli ultimi 2 anni) con diversi studenti di Ingegneria Elettronica ai quali ho chiesto di realizzare alcune schede elettroniche da integrare nei miei progetti (coniugando quindi i miei studi in Ingegneria Meccanica con i loro in Ingegneria Elettronica in una prolifica collaborazione di menti) ed ho ottenuto risposte che personalmente mi hanno spiazzato. Nonostante le loro alte votazioni mi hanno informato di non saper realizzare una scheda elettronica (nel mio caso particolarmente semplice) e alcuni hanno persino aggiunto che a loro modo di vedere non è compito dell’Università insegnarlo. Io personalmente ritengo che non si può essere laureati, magari con 110 e lode e non saper realizzare concretamente almeno le basi di quello che si è studiato. Capisco che per la massa di Ingegneria Meccanica la situazione è la medesima che per gli studenti di Ingegneria Elettronica in quanto non sanno ad esempio metter mano ad un tornio e scegliere un utensile, un numero di giri ed una velocità di avanzamento al fine di effettuare anche solo una semplice lavorazione di smusso, però… se sei veramente interessato a quanto stai studiando dovresti metterci del tuo e, non appena trovi difficoltà, poter contare sui professori più virtuosi al fine di completare la tua formazione avendo magari a disposizione un ottimo supporto universitario.

Imparare a costruire una scheda elettronica non sarà compreso nel piano di studi ma dovrebbe essere compreso nei desideri di uno studente appassionato e l’Università, a mio avviso, dovrebbe dare a costoro la possibilità almeno di un’opzione pratica. In altre parole, un corso interno per chi è interessato, un laboratorio, un’esperienza pratica di almeno qualche settimana in azienda per chi nutre questo veniale desiderio mentre sta sostenendo gli esami.

A mio modo di vedere, se c’è ad esempio una scuola per imparare a fare il pane, non è concepibile insegnare gli ingredienti, la loro chimica, le normative vigenti, l’igiene, gli strumenti necessari alla lavorazione e poi non mettere in mano un impasto al candidato per dirgli: “Bene, ora prova a lavorarlo, vedrai come si stancheranno le tue dita, i tuoi polsi, le tue braccia, le tue spalle, vedrai come si comporta il lievito, vedrai come si usa realmente un forno, come si rischia di bruciare il pane o di farlo troppo salato o deforme…”. O no?

Primo esempio – Parte seconda

Inizialmente il tentativo di dotare i miei prototipi di dispositivi elettronici su misura poteva avere solo due esiti, o la completa riuscita a fronte di spese mastodontiche** presso le aziende di settore, o il completo fallimento per abbandono del progetto. Tutti i ragazzi intraprendenti con cui mi sono confrontato mi hanno confermato che a loro è andata sempre nel secondo modo e sarebbe stato così anche per me se non avessi caparbiamente deciso di applicare un metodo alternativo anche questa volta.

Ho semplicemente (si fa per dire) preso in mano i libri dell’altro corso e mi sono messo a studiare le basi di elettronica ed elettrotecnica (la fisica e la matematica che ci sono dietro), nel frattempo mi sono procurato anche i materiali per studiare, analizzare e programmare schede atte a questo tipo di utilizzi e per costruire schede completamente nuove (decisamente più semplici) fatte interamente da me. Quindi mi sono procurato i contatti con tecnici che mi hanno fornito opportune indicazioni introduttive per la costruzione di semplici schede elettroniche (per il momento, visto che sono un principiante, solo ad uno o due layer).

Se questo può sembrare folle, controcorrente o persino sbagliato e magari, date le stravaganze di questo paese, inaccettabile, non dico che posso capire ma almeno immedesimarmi*** nei panni di chi ha altri punti di vista o altre procedure in mente, sì.

Il fatto è che in tal modo le risorse cui devo prevalentemente attingere sono le mie capacità di applicarmi e la gestione del mio tempo ma, cosa decisamente ed iperbolicamente più importante, in questo modo una potenziale rinuncia, un potenziale fallimento, si trasformano in un agognato successo. Anche parziale, lo ammetto, anche pieno di errori (sicuramente), anche completamente da rifare o impostato male, ma senza dubbio con un nuovo grosso carico di nozioni apprese, maggiore libertà, maggiore concretezza nel passaggio da un’idea al progetto finale utilizzabile dall’utente e con la possibilità, studiando ulteriormente, di migliorare di volta in volta l’intero pacchetto.

Sapere che si è stati in grado di realizzare (concretezza) una scheda elettronica che interagisce con un controller di un powertrain elettrico al fine di implementare un controllo di trazione su un mezzo che è capace di esprimere una coppia spasmodica ed aver sbagliato tante cose (concretezza) che si perfezioneranno poi (ancora concretezza) al secondo, terzo, quarto step… ha a mio avviso un valore incredibilmente più elevato del non realizzare nulla, abbandonare il progetto che rimarrà un’idea (astrattezza) e subire la frustrazione “pensando” (ancora astrattezza) che se si fosse trovato uno studente particolarmente appassionato, si sarebbe potuto fare… forse… (condizionale), oppure che se si fosse disposto di un ingente capitale (ancora condizionale)…

Ecco, diciamo che questo paese è denso di astrattezze e condizionali e sovente carente di concretezza e questo uno studente volenteroso non lo deve più accettare e può, per quanto gli compete, porre rimedio usando la sua più grande risorsa, la sua mente****.

**Giustificate dalla realizzazione di un singolo pezzo per ogni dispositivo richiesto.

***C’è stato persino chi, anche solo per un attimo, mi ha etichettato con demerito per questo senza comprendere che non era per me possibile spendere qualcosa come 7000 Euro per la produzione in pezzo unico (presso le aziende del settore) di una scheda elettronica del valore commerciale di 60 Euro. Questa, una volta testata, poteva persino risultare incompleta o errata per la nostra applicazione o, ancora, diventare obsoleta troppo presto.

****Risorsa che tanto più si allena, tanto più funziona.

Continua…

Link correlati

La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione
La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo
La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza
La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità
La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture
La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 3 + VIGNETTA
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Intro
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 3
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 5
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione (Le leggi mancanti)
La continua lotta contro il sistema Italia: La qualità della vita
La continua lotta contro il sistema Italia: La privacy
La continua lotta contro il sistema Italia: La tranquillità
La continua lotta contro il sistema Italia: La matematica
La continua lotta contro il sistema Italia: Conclusioni

ralph_dte_ebk_series

Una delle implementazioni elettroniche ai nostri progetti prevede un semplice sistema di Traction
Control (impostabile su più livelli o escludibile) che permette di affrontare qualunque percorso
(chiuso al traffico) con prestazioni impressionanti riducendo al contempo l’impegno fisico e mentale di
guida. Dispositivi di tale attrattiva possono avere costi esorbitanti se sviluppati da terzi in piccola serie,
mentre le collaborazioni tra studenti di diverse facoltà possono risultare ben più prolifiche ma assai più
difficili da trovare per la mancanza di integrazione pratica alla teoria studiata. L’estensione del proprio
percorso di studi può permettere di annullare le distanze tra un’idea e la sua concreta realizzazione
ma richiede un enorme impegno extra ed una passione smodata.

Posted in Aspetti psicologici, Società e Neuroscienze, DIY Do It Yourself, Forse non tutti sanno che/chi è, Imprenditoria, Microeconomia, Marketing, Branding, Mondo lavoro | Tagged: , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione

La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture

Posted by Raffaele Berardi on 14 maggio 2015

Rubrica: Così è la vita

Titolo o argomento: Risolvere i problemi dell’Italia da soli

Le infrastrutture

Molti pensano che quando troviamo le strade tutte rotte e la vettura sobbalza l’unico problema sia la perdita di comfort di marcia ed il pranzo che ci torna su. In realtà non è solo questo il problema, strade rotte significano migliaia d’Euro di spese di manutenzione straordinaria per ogni automobilista. Si danneggiano i supporti motore che devono frenare le eccessive accelerazioni verticali cui sono soggetti motore e accessori motore. Si danneggia il comparto sospensioni, ovvero l’insieme costituito da ammortizzatore idraulico, duomo (ove va bloccato superiormente l’ammortizzatore), triangolo che sostiene l’ammortizzatore dal basso, giunti, silent block (riferito agli schemi di sospensioni classici). Si danneggiano inoltre le testine di sterzo ed i cuscinetti delle ruote, per non parlare poi delle sollecitazioni che usurano in maniera anomala e precoce i pneumatici, rendono il telaio meno rigido, mandano in tilt numerose parti dell’impianto elettrico del veicolo. Ma non solo! Aumentano i consumi di carburante*, si allenta tutto l’interno dell’abitacolo (sia le parti incollate che avvitate relative al cruscotto ad esempio) innescando fastidiose vibrazioni (che si manifestano tanto prima quanto più è ridotta la qualità e la cura dell’assemblaggio del veicolo, ma questo è un altro discorso).

Senza poi considerare il cospicuo aumento di incidenti stradali dovuti alla perdita di stabilità dei veicoli, al tentativo di evitare in extremis una buca vista all’ultimo momento ed ai comportamenti sempre meno prevedibili di automobilisti che, per evitare di danneggiare l’auto, iniziano a percorrere lunghi tratti di strada contromano (specie nell’extraurbano) per evitare le buche in serie magari presenti solo da un lato della strada. Non si capisce quindi se chi in lontananza procede sulla tua stessa corsia, ma verso di te, lo stia facendo perchè in stato di ebrezza, perchè guarda lo smartphone o perchè evita più buche possibili prima di rientrare nella sua corsia.

Nel mio caso addirittura gli interi tratti tra casa e Università, tra casa mia e dei miei amici, tra casa e centro e  tra tutte le strade che portano ai principali punti di interesse della città, sono completamente, e gravemente, dissestati. Gravemente significa che il livello di danno è così elevato che una distrazione può causare un incidente mortale. Significa che percorro più volte al giorno circa 30 km di puro (e sottolineo che il termine puro non è usato come un’iperbole) fuoristrada “professionale”. Con l’aggravarsi della situazione è divenuto necessario modificare lo stile di guida, apprendere nuove tecniche, dotarsi di mezzi** in grado di reggere tali crescenti sollecitazioni e, in tutto questo, nemmeno un rimborso da parte degli organi competenti, magari con uno sconto sui bolli che anzi, continuano ad aumentare. In virtù del contrario è stata persino introdotta irresponsabilmente la tassazione piena per i veicoli d’epoca di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, ossia quei veicoli che mai useresti su strade di questo genere, quei veicoli che rappresentato una delle più grandi passioni di questo paese.

Se ci fate caso, da che tempo e tempo, viene sempre tassato in maniera incisiva ciò che tiene in vita questo paese, ciò che lo ha reso rinomato in tutto il mondo mentre decenni di opportunisti silenziosamente lo depredavano. L’Italia è basata sulle passioni, ne ha fatto un prestigio, un motivo di orgoglio in tutto il mondo ma nemmeno queste virtù, a quanto pare, meritano un minimo di rispetto.

*L’inquinamento provocato dalle continue frenate e dalle seguenti “ri”accelerazioni per evitare buche o affrontarle a velocità moderate, è molto, ma molto maggiore, di quello che si avrebbe utilizzando il medesimo veicolo su strade sane e senza filtro antiparticolato o sistemi EGR. Ciò che realmente riduce l’inquinamento non viene curato e, guarda caso, non comporta l’acquisto di nuovi veicoli.
**Vedi il paragrafo “Secondo esempio” di seguito.

Esempi di risposte logiche

Primo esempio

Data la mia passione per le vetture e le moto prettamente da pista ed il mio interesse piuttosto limitato per i veicoli stradali, la mia risposta non è tardata ad arrivare (già diversi anni fa) privandomi della mia auto stradale. Niente più bollo, niente più assicurazione, niente più revisione, niente più mantenimento, ricambi, carburante, spese extra per danni causati dal manto stradale, niente di niente. Oltre all’immenso risparmio di denaro che ho destinato ai miei studi ed alle mie ricerche (rendendo così inutili finanziamenti e logiche dell’indebitamento), ho ottimizzato i miei spostamenti facendo a metà con l’auto di mio padre il quale la condivide con me senza problemi ottenendo in cambio tutta l’assistenza di cui necessita gratuitamente (ci guadagnamo in due). In circa 10 anni ha risparmiato oltre 9.000 Euro di spese di manutenzione ed ha risparmiato altri 40-45.000 Euro per l’acquisto di altre due eventuali auto (confronto basato sulla sostituzione media, seppur assurda, stimata attualmente dagli operatori del settore). Cifre minori, ma dello stesso ordine di grandezza, le ho risparmiate anche io grazie alla “macchina che non ho”. Ed ecco come si recuperano decine di migliaia di Euro per studiare e ricercare, con qualche piccolo sacrificio di comfort, senza “indebitarsi” e senza pendere dal consenso o meno di terzi.

Due persone, una macchina, sembra persino assurdo ai tempi d’oggi e se lo pensate (in parte) vi capisco. Per il resto mi muovo in moto e, più frequentemente, con i miei prototipi elettrici a costi che fanno ridere (senza considerare che, ciò che costruisco io (al momento solo per me stesso) non è afflitto da obsolescenza programmata. Ciò che si rompe infatti, o l’ho progettato male, o l’ho usato allo sfinimento (ho all’attivo, passati i 30 anni, ben 1 milione e mezzo di km percorsi con auto, moto, bici… praticamente ho l’endurance nel sangue). Questo per dire che, se accuso gli effetti di un disservizio, posso avere la facoltà di tagliare “legalmente” i fondi a chi quel servizio non me lo fornisce più. Nel mio caso vinco io, nel caso di molti altri, che non hanno alternative, magari per questioni di lavoro, familiari o di orari o perchè particolarmente legati alle abitudini, purtroppo non va così. L’importante è sapere che le “strade” ci sono, possono essere scomode ma regalare grandi soddisfazioni (in sostanza la tanto agognata felicità***).

***Ricordate che torna più soddisfatto a casa dalla famiglia colui che ha faticato, ha sudato, magari è stato scomodo, ma ha compiuto la sua opera, piuttosto che un uomo avezzo al non far nulla e desideroso di continue comodità. Un po’ come quando, in seguito all’attività fisica sportiva preferita, ci si sente positivamente stanchi, stanchi scaricati, stanchi rilassati, stanchi liberi.

Secondo esempio

Per garantire la mia sicurezza ho dovuto acquistare una vecchia moto da enduro che ho provveduto a rimettere a nuovo da solo (non solo perchè si tratta di una mia particolare competenza professionale ma anche per limitare drasticamente l’ammontare della spesa e, in particolar modo, per limitare “l’ingiustizia” di una spesa che non volevo compiere). L’ho acquistata con diversi acciacchi ma con il telaio perfetto e le carene come nuove. Motore, forcella, forcellone, freni, elettronica, accessori, parti arruginite, impianto di raffreddamento,  trasmissione, ecc., li ho completamente ricostruiti. Ma il tempo non si può perder così quando si ha altro di più importante da fare. La moto da corsa che usavo prima non l’ho venduta, l’avrei ritenuto un sopruso, una violenza… ma è comunque ferma e la posso usare solo in pista anche se passeggiarci per strada mi faceva, a suo tempo, un gran piacere.

Per la mia attuale moto da enduro sto costruendo un powertrain per trasformarla in elettrica/ibrida che, qualora l’Italia non volesse omologarmi, potrà circolare comunque considerato che le motorizzazioni di ben 3 stati della Comunità Europea mi hanno già confermato che lo faranno volentieri (alle volte penso che ci “schifano” proprio e quando vedono giovani che si danno da fare, ho come l’impressione che diventino quasi caritatevoli… sob. Un tempo si diceva “Meglio invidia che pietà”, oggi invece…).

Continua…

Link correlati

La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione
La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo
La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza
La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità
La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture
La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 3 + VIGNETTA
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Intro
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 3
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 5
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione (Le leggi mancanti)
La continua lotta contro il sistema Italia: La qualità della vita
La continua lotta contro il sistema Italia: La privacy
La continua lotta contro il sistema Italia: La tranquillità
La continua lotta contro il sistema Italia: La matematica
La continua lotta contro il sistema Italia: Conclusioni

High angle view of a pothole with two traffic cones

Immagine tratta da una ricerca sul web. Se siete i proprietari del diritto d’autore dell’immagine,
potete chiederne la rimozione o indicarci il copyright da specificare. Image taken from research
on the web. If you own the copyright of the image, you can request its removal or indicate the
copyright to be specified.

Posted in Aspetti psicologici, Società e Neuroscienze, DIY Do It Yourself, Forse non tutti sanno che/chi è, Imprenditoria, Microeconomia, Marketing, Branding, Mondo lavoro | Tagged: , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture

La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità

Posted by Raffaele Berardi on 13 maggio 2015

Rubrica: Così è la vita

Titolo o argomento: Risolvere i problemi dell’Italia da soli

La sanità

Mia nonna dispone di una interessante gamma di acciacchi dovuti all’età, a dire il vero mia nonna rappresenta un vero e proprio caso di studio utile per la medicina (ma snobbato -gulp!- da diversi medici) in quanto, a lei, non si cariano i denti qualunque cibo mangi e anche in totale assenza di pulizia dentale giornaliera. I denti le restano bianchi e puliti in ogni caso. Li ha tutti a 84 anni belli come a 20, nessuna carie, nessun dente traballante, nessun danno. Lei ci apre persino le bottiglie con i tappi metallici (a me fa rabbrividire). Come è possibile, dopo oltre 80 anni, non si sa e nessuno sembra volerlo sapere/studiare (questo per me è un vero mistero della vita persino superiore al chi siamo, da dove veniamo e quando finirà realmente il petrolio…). Ma non solo. Mia nonna, a seguito dei disservizi che conosciamo tutti, è divenuta un caso di studio persino per me* che, proprio a seguito delle incombenti necessità per assisterla, sono potuto risalire alla causa (con tanto di prove scritte confermate dal medico e dalle case farmaceutiche) di alcuni suoi acciacchi. Insomma mia nonna, potremmo persino dire, sta benone, o meglio è di ottima costituzione, resistente agli urti della vita come un blocco di ghisa ma, superato un certo punto ha fatto crak (sempre perchè a tutto c’è un limite).

Il problema economico-sociale che vede al centro del discorso mia nonna, così come i nonni della maggior parte degli italiani, è che la pensione che ha non è assolutamente sufficiente né per vivere, né per coprire l’assistenza a casa, né tantomeno per acquistare parte del materiale di consumo necessario alla sua cura e che lo stato le passa solo in misura ridotta pressappoco del 50% rispetto alle reali necessità. Ancora peggio il discorso dell’assistenza a casa che, viene fornita dallo stato, solo per un’ora al giorno, sei giorni la settimana. Ne segue che la mia famiglia deve provvedere “con il proprio reddito” a sostenere le spese per l’assistenza, per il materiale di consumo, per le bollette, per la spesa e tutto l’occorrente. Ma, cosa ancor più preziosa, deve provvedere con il proprio tempo. Nessuna persona di buon senso che nutra dei sentimenti si sottrarrebbe a questo impegno, è ovvio. Però se considerate che poi i miei genitori non riescono a lavorare come potrebbero (con le enormi conseguenze che ciò comporta specie in connubio con la crisi economica, la pressione fiscale e la drastica riduzione della qualità della vita), sono esausti e abbattuti da una realtà che si spaccia per democratica e chiede, chiede, chiede, ti controlla, ti sollecita, ti priva e poi, quando c’è da dare, si assenta… ebbene immaginate quindi come poteva andare a finire?

*Che non mi sostituirei mai al parere di un medico preparato, non mi permetterei mai in virtù della coerenza e del rispetto verso le professioni.

Esempi di risposte logiche

Subentro io per fornire tutto quanto è nelle mie possibilità al fine di vedere i miei genitori e mia nonna stare al meglio. Ma questo nuovamente va a scapito della mia (nostra) esistenza, del mio ruolo nella società, dei miei studi, delle mie ricerche. Tutto rallenta e diventa distante con un effetto molto simile a quando muovete una telecamera in avanti zoomando indietro, voi avanzate ma tutto si allontana.

Quello che ho potuto fare io è stato capire le cause che hanno portato mia nonna nelle sue condizioni e sottrarle dalla mia (nostra) vita: dallo stile alimentare, alle abitudini giornaliere, dalle sollecitazioni cui è sottoposta quotidianamente la nostra mente fino al controllo del tipo di farmaci assunti ed i relativi dosaggi. Quest’ultimo punto è molto delicato in quanto siamo abituati a fidarci ciecamente di ciò che viene scritto su un foglio di carta e non abbiamo gli strumenti per verificare se quanto scritto è corretto. Spesso un certo tipo di medici nemmeno informa esaurientemente paziente e familiari circa le reali problematiche ed uno dei motivi, acquisito in seguito ad una mia interrogazione mirata, è che diversi medici lo ritengono inutile vista l’ignoranza in materia di chi si presenta a loro. Anche in tal caso posso (in parte) capire.

Guarda caso però, per una volta che sono voluto andare oltre è venuto fuori che 6 anni fa a mia nonna è stata prescritta una dose doppia (rispetto al massimo consentito indicato dalle principali case farmaceutiche di marchi noti e di farmaci equivalenti) di un preciso farmaco il quale, dopo 5 anni di esubero ha fatto consistenti danni. Se sei anni fa io avessi semplicemente letto il foglio di carta bianco, andando a verificare le confezioni di ogni singolo farmaco e le avvertenze all’interno, avrei evitato questa grave conseguenza (o parte di essa, visto che non si può integralmente dimostrare a rigore scientifico) così come sono riuscito poi ad evitarla al suo compagno che ora, proprio grazie a questo, sta benone in direzione 100 anni (e per benone intendo che porta a spasso il cane, va in bicicletta, fa i suoi giretti spesso al parco, zappa persino la terra gratis per puro gusto personale e, over the top, è lui che aiuta i vicini quando ne hanno necessità.

Non date mai nulla per scontato, imparate a leggere, subito dopo a studiare, a ragionare e, prima di andare a prendervela con qualcuno, verificare che quanto avete tratto sia corretto. Nessun medico mi ha potuto mai dare del saccente o dell’arrogante dopo che gli ho portato la “carta scritta” con i dosaggi errati e le avvertenze targate con i marchi delle principali case farmaceutiche. Anche in questo caso da un disagio qualcosa ho guadagnato, nonostante ciò potrei comunque perdere prematuramente l’affetto di una persona cara come mia nonna.

Continua…

Link correlati

La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione
La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo
La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza
La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità
La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture
La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 3 + VIGNETTA
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Intro
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 3
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 5
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione (Le leggi mancanti)
La continua lotta contro il sistema Italia: La qualità della vita
La continua lotta contro il sistema Italia: La privacy
La continua lotta contro il sistema Italia: La tranquillità
La continua lotta contro il sistema Italia: La matematica
La continua lotta contro il sistema Italia: Conclusioni

toto_peppeino_e_la_malafemmina_500px

T’ho fatto male? Pensa alla salute!!
Tratto da | Taken from
Totò, Peppino e la… malafemmina, Camillo Mastrocinque, Italia, 1956

Posted in Aspetti psicologici, Società e Neuroscienze, DIY Do It Yourself, Forse non tutti sanno che/chi è, Imprenditoria, Microeconomia, Marketing, Branding, Mondo lavoro | Commenti disabilitati su La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità

La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza

Posted by Raffaele Berardi on 11 maggio 2015

Rubrica: Così è la vita

Titolo o argomento: Risolvere i problemi dell’Italia da soli

La sicurezza

Nelle ultime settimane ho ricevuto visita da ben 4 gruppi (3 coppie ed 1 singolo) di persone straniere poco raccomandabili e da 2 persone italiane (1 coppia di soggetti diversamente salubri) altrettanto poco raccomandabili (alcuni persino in preda all’effetto di stupefacenti secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine che si sono adoperate al meglio per fornirmi la loro assistenza). Si è trattato di sopralluoghi a scopo di successivo furto (le forze dell’ordine ne sono già al corrente e stanno operando di conseguenza). Il risultato è che già uno dei potenziali furti è andato in porto a mio danno con modalità ed esiti che possono essere enunciati solo dopo l’azione del giudice.

Però che ho subìto un furto lo posso dire, che il furto si poteva evitare anche. Si poteva evitare in quanto l’autore dello stesso non è nuovo a questo tipo di crimini ed infatti, grazie ad opportune fonti ed alla prolifica collaborazione delle forze dell’ordine e della scientifica, è stato individuato a tempo di record ed è ora in carcere. Il problema è che uscirà presto (niente di nuovo mi direte) e che, grazie a questo “entra ed esci”, nelle ultime settimane pare abbia compiuto circa 7 furti ma… questo paese non sa farsi rispettare, o meglio, non vuole.

Tagliare i fondi alle forze dell’ordine, metterli nelle condizioni di non avere il carburante per le proprie vetture, ridurre i posti di blocco, rendere inermi persone che più di altre credono nella giustizia, è una mossa che non serve ad altro che aumentare la criminalità, distogliere la gente dai problemi seri del paese, far vivere le persone nell’ansia.  Inoltre, come nella logica già spiegata in passato del “creo una causa affinché tu poi ne possa accettare una conseguenza antidemocratica”, permette di ottenere sciempiaggini come ad esempio i pagamenti elettronici obbligatori (con surplus di spese e commissioni) quando un semplice ed economico bonifico è già fin troppo sicuro, legale e “tracciabile” pur non implicando “spese obbligatorie di mantenimento strumenti quali il POS, tariffe sul venduto (che si sommano ad una già smisurata tassazione), linea telefonica per la rete di trasmissione dei dati implicitamente obbligatoria, ecc.”. Ma ciò che si ottiene da crimini depenalizzati e caos è ben di più e, ogni cittadino lo sa dato che, in modi diversi, ne ha fatto e ne fa le spese.

Esempi di risposte logiche

Per raggiungere il livello di sicurezza a me utile ho approfondito i miei studi in meccatronica al fine di realizzare impianti di sicurezza personalizzati (non commerciali) molto difficili da interpretare per un malvivente. Questo mi ha permesso, con opportune impostazioni metodologiche iniziali, di trarre conoscenze utili anche per i miei prototipi ibridi ed elettrici (dato che io compio studi universitari in Ing. Meccanica che non prevedono applicazioni di meccatronica per le quali mi sarei dovuto rivolgere a terzi). In questo modo ho cercato in ogni caso di trarre un guadagno anche da un disagio.

Nell’attività di mio padre ho suggerito l’esposizione delle scatole dei prodotti senza i prodotti all’interno, in tal modo il negozio mantiene un aspetto professionale, comunicativo e caldo. I prodotti non sono stati rimossi dalle confezioni per essere immagazzinati altrove, questo perchè in tal modo si sarebbe solo spostato il problema presso un altro luogo che a sua volta non possiamo controllare. Ho semplicemente suggerito a mio padre di chiedere alle aziende con cui lavora alcuni packaging dei prodotti più costosi. In tal modo, grazie alla logica matematica, semplicemente non si può rubare ciò che non c’è. Trattasi di un primo esempio di risoluzione autonoma di un problema (che “altri” non risolvono) senza far uso di strumenti illegali né tantomeno di violenza e, persino, con un guadagno formativo (in questo caso in meccatronica).

Continua…

Link correlati

La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione
La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo
La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza
La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità
La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture
La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 3 + VIGNETTA
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Intro
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 3
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 5
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione (Le leggi mancanti)
La continua lotta contro il sistema Italia: La qualità della vita
La continua lotta contro il sistema Italia: La privacy
La continua lotta contro il sistema Italia: La tranquillità
La continua lotta contro il sistema Italia: La matematica
La continua lotta contro il sistema Italia: Conclusioni

attenzione_pericolo_furti_500px

Segnali come quelli esposti preventivamente dalle Ferrovie dello
Stato Italiane potreste vederli presto esposti anche nei condomini,
nei parcheggi, nei luoghi pubblici con suggerimenti circa la
prevenzione da molteplici attività criminali. Prima della propria
prevenzione però è necessaria la prevenzione da parte della
società civile di cui si fa parte.

Posted in Aspetti psicologici, Società e Neuroscienze, DIY Do It Yourself, Forse non tutti sanno che/chi è, Imprenditoria, Microeconomia, Marketing, Branding, Mondo lavoro | Tagged: , , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza

La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo

Posted by Raffaele Berardi on 11 maggio 2015

Rubrica: Così è la vita

Titolo o argomento: Risolvere i problemi dell’Italia da soli

Il tempo
(nel mio caso sottratto allo studio, alla ricerca ed alla prototipazione)

Se devo affrontare (in difesa) i problemi di cui si dovrebbero occupare opportuni* gestori dello stato**, ciò cui vado in contro sono una serie sconcertante di disagi: dalla perdita di tempo (e quindi di opportunità professionali), all’accumulo di inutile stress (che può danneggiare la capacità di concentrazione), dalla perdita di energie (con conseguente minore resa quando ci si applica su uno studio in modo intensivo), alla perdita di risorse economiche (fondamentali per lo sviluppo di nuove tecnologie utili alla collettività). Tutte cause-effetto di cui si conosce ampiamente la natura in quanto largamente trattate sui testi di economia, di neuroscienze e, persino, di biologia molecolare, tanto per darvi una prima massiccia fonte.

Ora, posso io esser libero di ipotizzare che se si conoscon bene gli effetti che determinate cause offrono, si possano indurre tali cause volontariamente per ottenere risultati quali il blocco della crescita sociale, tecnologica ed evolutiva di un paese, nonché la competitività economica? La mia ipotesi, adornata di ricche dimostrazioni causali***, è… sì.

Per porre rimedio alla situazione ho operato una vasta e articolata serie di scelte logiche, che non posso render pubbliche in quanto trattasi di strategie, che hanno la particolarità di basarsi sul rispetto della legge, la logica matematica e la totale assenza di uso di forza/violenza (a mio avviso decisamente inutile per ottenere risultati solidi, determinati e durevoli). Di seguito proseguo con esempi più concreti tratti dal quotidiano, ma se avete colto l’essenza di questo paragrafo, allora ne potrete realizzare molti altri (sulla base delle vostre specifiche esigenze) tanto facilmente quanto più avrete studiato oltre gli ordinari schemi standard.

Continua…

*E (primo condizionale figurato) specializzati.
**Nonché (secondo condizionale figurato) dipendenti al servizio dei cittadini e da quest’ultimi stipendiati anche se attualmente senza facoltà né potere di giudizio d’operato e di eventuale licenziamento per inadempienze. Leggi vitali per la salute di qualunque paese che, chissà come mai, mancano.
***Con “dimostrazione causale” intendo la possibilità logica di dimostrare almeno un movente causa-effetto.

Link correlati

La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione
La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo
La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza
La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità
La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture
La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 3 + VIGNETTA
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Intro
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 3
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 5
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione (Le leggi mancanti)
La continua lotta contro il sistema Italia: La qualità della vita
La continua lotta contro il sistema Italia: La privacy
La continua lotta contro il sistema Italia: La tranquillità
La continua lotta contro il sistema Italia: La matematica
La continua lotta contro il sistema Italia: Conclusioni

GP_HD_Harold Lloyd_LR_500px

Image’s copyright: Girard-Perregaux and Academy Museum of Motion Pictures

Posted in Aspetti psicologici, Società e Neuroscienze, DIY Do It Yourself, Forse non tutti sanno che/chi è, Imprenditoria, Microeconomia, Marketing, Branding, Mondo lavoro | Tagged: , , , , , , | Commenti disabilitati su La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo

La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione

Posted by Raffaele Berardi on 9 maggio 2015

Rubrica: Così è la vita

Titolo o argomento: Risolvere i problemi dell’Italia da soli

Introduzione

Oggi fa un mese esatto che non riesco a pubblicare i miei articoli. Nonostante abbia già scritto numerose bozze ed abbia perfettamente chiaro quali temi trattare, quali fonti contattare, quali spunti inserire, quali viaggi fare, non riesco a trovare un momento di tranquillità per riprendere la concentrazione ed organizzare contenuti di qualità come si conviene ad una seria e prolifica divulgazione. La causa risiede nel fatto che il sistema Italia da troppi anni continua a non funzionare e gli effetti dei conseguenti danni non tardano a farsi sentire. Se fosse solo per reale incompetenza degli addetti ai lavori potrei anche capire (in parte) ma… che si tratti di precise volontà per mettere il paese in ginocchio ed annullare slealmente la sua competitività, proprio non lo posso tollerare.

Io mi occupo di studiare, ricercare, imparare e, al momento opportuno, progettare, sperimentare e costruire. L’oggetto delle mie ricerche, dei miei studi e dei miei progetti, è generalmente utile ad un enorme numero di persone (vedi l’intro alla pagina STUDIO). Quindi questa mia volontà nello studiare, ci si aspetterebbe, dovrebbe esser premiata in qualche modo in quanto rara ed al contempo necessaria. Ma secondo voi è ciò che realmente accade? Ovviamente no (scialba domanda retorica) anche se un lieto fine per fortuna c’è. Grazie ad una formazione extra (non prevista dagli ordinari percorsi di studio), ho imparato a risolvere da solo molti dei problemi che echeggiano nel quotidiano. Naturalmente quel poco che posso fare da solo è utile solo ai miei familiari e me però, se desiderate seguire nella lettura, è probabile che riesca ad offrirvi una scossa utile a credere di più nel vostro potenziale nascosto. Certo non posso esporre chiaramente la mia strategia sulle questioni economiche, del lavoro, dei trasporti, dell’energia, dell’innovazione, e molto altro, per il semplice motivo che, per fare una legge sciocca che renda illegale la mia vita pare che bastino pochi giorni, mentre per emettere leggi utili all’intero paese pare non siano sufficienti diversi decenni.

Sono naturalmente portato per affrontare i problemi di tutti i giorni (di diversi livelli di difficoltà e che si estendono dalla microeconomia all’ingegneria, dalla burocrazia alle truffe, dalla giovane impresa all’organizzazione di servizi, dai trasporti all’energia, dall’innovazione alla legislazione, ecc.), analizzarli e, sovente, persino risolverli. Non son fatto per ignorarli attendendo l’improbabile intervento di qualche chimerico personaggio… A tutto però c’è un limite, cominciamo quindi con qualche utile spunto.

Continua…

Link correlati

La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione
La continua lotta contro il sistema Italia: Il tempo
La continua lotta contro il sistema Italia: La sicurezza
La continua lotta contro il sistema Italia: La sanità
La continua lotta contro il sistema Italia: Le infrastrutture
La continua lotta contro il sistema Italia: L’istruzione e la formazione
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La giovane impresa – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 3 + VIGNETTA
La continua lotta contro il sistema Italia: La tecnologia – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Intro
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 1
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 2
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 3
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 4
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione – Parte 5
La continua lotta contro il sistema Italia: La legislazione (Le leggi mancanti)
La continua lotta contro il sistema Italia: La qualità della vita
La continua lotta contro il sistema Italia: La privacy
La continua lotta contro il sistema Italia: La tranquillità
La continua lotta contro il sistema Italia: La matematica
La continua lotta contro il sistema Italia: Conclusioni

lottare_500px

Tratto da | Taken from
Matrix, Lana e Andy Wachowski, USA, Australia, 1999

Posted in Aspetti psicologici, Società e Neuroscienze, DIY Do It Yourself, Forse non tutti sanno che/chi è, Imprenditoria, Microeconomia, Marketing, Branding, Mondo lavoro | Tagged: , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su La continua lotta contro il sistema Italia: Introduzione

Do It Yourself – Piccole grandi soddisfazioni: la caldaia di casa

Posted by Raffaele Berardi on 14 gennaio 2013

Rubrica: DIY – Do It Yourself

Titolo o argomento: Quando ci vuole, ci vuole…

Uno spot che è rimasto piacevolmente nelle menti di tanti diceva “Ci sono cose che non si possono comprare, per tutto il resto c’è…”. Ebbene il piacere che ho provato durante le feste appena trascorse è una di quelle cose che non si possono comprare. Da cosa è derivato il piacere? Avevo la caldaia di casa che manifestava una serie di fastidiosi problemi, anomalie e malfunzionamenti da diverso tempo. Ogni qualvolta chiamavamo il tecnico i preventivi proposti erano a dir poco spaventosi ed accompagnati da un’incertezza costante sulla possibilità che i problemi potessero anche derivare da altro. Insomma il preventivo poteva solo crescere. Non mi è mai successo di non raggiungere accordi su un preventivo* così come è avvenuto per la caldaia di casa. Onestamente non posso negare che, questa volta, le ansie legate alla crisi si sono fatte sentire forte. Il tecnico inoltre continuava a ripetere che probabilmente poteva convenire acquistare una nuova caldaia piuttosto che ripararla.

Per farla breve, essendo quest’anno rimasto in casa a passare le feste in famiglia, ed essendo praticamente impossibile per me trastullarmi più di qualche ora di seguito, ho deciso di compiere la pazzia e smontare la caldaia di casa interamente pezzo pezzo (escluso il circuito del gas e componenti annesse e connesse). Inizialmente l’intenzione non era realmente quella di ripararla, bensì di capirne da vicino il funzionamento e le possibili cause di malfunzionamento**. Era una vita che nei meandri della mia mente vivevo con insoddisfazione il fatto di non capire nulla della nostra caldaia di casa. Non si trova un manuale che sia uno sul tema e nessuno diffonde una minima informazione realmente utile. Insomma, vite dopo vite, pezzo dopo pezzo, ho iniziato a rendermi conto che la logica per operare ha molti punti in comune con gli interventi di motorismo ai quali sono abituato. C’è un ordine preciso per smontare le parti, ci sono organi di tenuta, tubazioni, fluidi che vanno rimossi prima di intervenire, la pompa, una centralina, dei comandi meccanici, altri elettrici, un deviatore per il funzionamento estivo e invernale, protezioni termiche, rubinetti, valvole, ecc. Senza dilungarmi oltremodo, è andata a finire che ho scansato tutti le componenti dei motori dai banchi del mio laboratorio e, per la prima volta, mi sono trovato davanti agli occhi l’intera parte meccanica ed elettroidraulica di una caldaia smontata. Tutti i pezzi lì pronti da studiare, catalogare, revisionare e, dove necessario, sostituire. Inaspettatamente, quello che per me da una vita sembrava un grosso grattacapo, si è rivelato essere qualcosa di molto più semplice del previsto ed il risultato è che ho speso 180,00 Euro anziché circa 800-1000 Euro per avere una caldaia che va come un motore 6 cilindri in linea equilibrato e potente nonché in grado di erogare una coppia abbondante sin dai regimi più bassi. Scalda che è un piacere, non va più in blocco, non vibra più, non accusa perdite ed ora è diventata una mia piccola soddisfazione assieme alle altre “un pochino” più rombanti che le sostano accanto.

Cosa aveva la caldaia?

L’albero su cui è montato l’indotto della macchina elettrica (originale), il quale aziona la pompa dell’acqua della caldaia in questione, è montato su boccole in bachelite (o almeno sembrano di tal materiale). Con gli anni queste boccole si sono danneggiate e l’indotto ha smesso di girare perfettamente in asse. Nonostante ciò la caldaia funzionava, prima dell’intervento, ma con fastidiose vibrazioni, perdite anomale e qualche singhiozzo all’avviamento. L’indotto, lavorando storto, sforzava in modo anomalo sull’organo di tenuta presente tra la pompa e la macchina elettrica, causando una perdita di liquido. Le vibrazioni si sono ripercosse sulla centralina danneggiando lievemente un potenziometro. Alcuni anelli di tenuta (O-Ring) si sono induriti e non garantivano la tenuta corretta. La caldaia inoltre manifestava degli scompensi di pressione del fluido e ricorreva automaticamente alla valvola di massima pressione espellendo acqua all’esterno. Ogni malfunzionamento è stato risolto ragionando sulla causa diretta che generava il problema ed operando sostituzioni/revisioni delle componenti direttamente ed indirettamente implicate in tale problema.

Le impressioni

Devo dire la verità, è stata un’operazione complicata, non immediata, piuttosto da ragionare. Ma è pur vero che mi spaventava di più prima (come ogni cosa che non si conosce) e poi, dopo studiata, ha assunto tutt’un altro aspetto. Quell’intreccio di tubi, di cavi, di organi apparentemente buttati lì, mischiati, messi alla meglio, si è trasformato in un sistema termoidraulico con una sua logica, una sua anima meccanica e un suo ordine preciso. E’ imperativo però a questo punto porre delle precisazioni.

Personalmente consiglio di non intervenire se non si hanno delle basi di meccanica, elettrotecnica ed idraulica adeguate, perchè una caldaia è un oggetto molto pericoloso nel quale, oltre all’acqua (apparentemente innocua), circola il ben più pericoloso gas.
Non intervenite se non sapete distinguere con certezza le componenti che hanno a che fare con il circuito idraulico da quelle che hanno a che fare con il circuito del gas.
Non intervenite se non avete destrezza pratica e senso logico (le cose non si smontano a caso sperando che muovendo questo o quello, o martellando quell’altro…, tutto vada a posto; smontando a caso si rischia generalmente di rimontare male le parti danneggiandole o, peggio, causando gravi danni).
Non operate mai sul circuito del gas, chiamate sempre per tal compito un tecnico qualificato e certificato.
Ricordate di togliere la corrente, se necessario svuotate dall’acqua l’impianto dei radiatori, ricordate di chiudere i rubinetti che portano l’acqua alla caldaia e, per cautela, anche quello del gas.
Chiamate un tecnico specializzato annualmente per i controlli normalizzati dalla legge.

Disclaimer

Questo articolo consiste in una riflessione circa una piacevole esperienza dell’autore nonché un invito a sfruttare meglio le proprie conoscenze, la propria voglia di studiare e di imparare. L’articolo mostra un beneficio che si può trarre dallo studiare intensamente. Non siamo in alcun modo responsabili di qualunque cosa facciate alle vostre caldaie dopo aver letto questo articolo. Esso non è una guida/manuale, né un invito ad evitare il supporto di tecnici competenti laddove necessario.

*E’ stata un’odissea. Solitamente, nonostante il mio esteso percorso di studi che mi potrebbe portare a dire cose che sono antipatiche persino a me stesso, vado molto d’accordo con i tecnici dei più svariati settori ed in particolar modo con quelli che si presentano come persone semplici ed umili. Per intenderci non mi sognerei mai di dire che qualcosa la so fare se invece non la so fare o non la conosco (magari ponendomi indebitamente e arrogantemente sopra un’altra persona solo per il diverso percorso di studi). Se una cosa non la so, non la so. Posso tutt’al più impararla (sicuramente non dal giorno alla notte). Credo sia umano rendersi conto di non sapere e nutrire il desiderare di imparare (anche se nei “nuovi giovani” sembra scomparso). Però il tecnico che avevamo contattato continuava a dare versioni diverse e, in casa, pur non essendo del mestiere abbiamo capito che non c’era speranza di ottenere questa volta un prezzo corretto.
**Premetto che prima di smontarla non ne capivo nulla di caldaie e che ora, nonostante il lieto fine, devo umilmente riconoscere che ne capisco solo qualcosa di più dei rudimenti di base. Pertanto, quasi sicuramente, se mi porrete delle domande, non saprò rispondere adeguatamente.

Link correlati

Piccole grandi soddisfazioni: la caldaia di casa
Piccole grandi soddisfazioni: la chitarra elettrica

Dettaglio della pompa danneggiata Dettaglio dell'indotto del motore elettrico Caldaia priva della parte meccanica ed elettroidraulica Dettaglio delle ciondizioni delle tubazioni allo smontaggio della pompa della caldaia Corpo della membrana che attiva il riscaldamento dell'acqua calda sanitaria Connessione del corpo della membrana di attivazione riscaldamento acqua calda sanitaria Componentistica del selettore stagionale della caldaia Assieme selettore stagionale, corpo membrana comando riscaldamento acqua calda sanitaria e deviatore fluido La pompa nuova corredata delle componenti precedentemente indicate revisionate Il gruppo revisionato installato e pronto per il test di funzionamento La caldaia operativa dopo i controlli di tenuta, lo spurgo e la regolazione della potenza termica Suggestiva soggettiva della fiamma

Posted in DIY Do It Yourself | Tagged: , , , , , , | Commenti disabilitati su Do It Yourself – Piccole grandi soddisfazioni: la caldaia di casa

Do It Yourself

Posted by Raffaele Berardi on 17 ottobre 2012

Rubrica: Metodi. Alternative al mondo abituale.

Titolo o argomento: Do It Yourself – Fai da te cose alle quali forse non pensi ancora

Ricordate bene queste parole: autoproduzione, autoconsumo, autofinanziamento, baratto, filiera corta, rete umana, in sostanza… Do It Yourself. Ricordatele perchè sono il futuro, il vostro futuro, o meglio, il futuro di chi si ingegna e ha la capacità di apprendere. La logica di comprare tutto da terzi, demandare ad altri, ignorare conseguenze, non funziona più. E’ vecchia, obsoleta e non adatta a tempi di estrema crisi. Comprare, consumare, buttare, sprecare, utilizzare male e poco, cambiare frequentemente, non procura più benefici e, molto probabilmente, non li ha mai procurati, al di là del fatto che “niente è più necessario del superfluo”. Si è prodotto di tutto e troppo. Si è speculato su tutto troppo. Si sono ignorati meccanismi e conseguenze di azioni quotidiane, tanto… troppo. Do It Yourself definisce la costruzione, la modifica, la riparazione di qualcosa senza far riferimento necessariamente a professionisti di un determinato settore. Questo però non deve trarre in inganno, far da soli non significa riuscire ad ottenere lo stesso risultato di un professionista senza essere preparati e adeguatamente formati. Ad esempio effettuare un intervento sull’impianto elettrico di casa presuppone che voi abbiate non solo la manualità e la praticità di trovare soluzioni, ma anche delle basi teorico-pratiche adeguate. In caso contrario difficilmente trarrete beneficio dal far da soli e, anzi, potreste andare in contro a spese decisamente maggiori per i danni causati. Fare da soli il tagliando alla propria auto comporta che voi abbiate una qualche esperienza maturata sul campo da mettere al servizio del vostro portafogli. Magari nella vita di tutti i giorni vendete abbigliamento sportivo o state allo sportello di un qualche ufficio, l’importante è che abbiate delle competenze tangibili (magari una precedente esperienza lavorativa).

Fare da soli una qualunque cosa, che siamo certi di riuscire a comprendere ed elaborare mentalmente in piena autonomia, significa ottenere una possibile riduzione di una spesa a scapito però di un dispendio di tempo maggiore rispetto a quello di cui necessita un professionista. Quest’ultimo, infatti, è solitamente più allenato alla risoluzione quotidiana del medesimo problema. Sul primo piatto della bilancia dovete considerare la spesa cui andate in contro nel far da soli e quella alla quale andreste in contro facendo riferimento a terzi mentre, sull’altro piatto della bilancia, dovete mettere il “costo delle opportunità“, vale a dire: “Dedicandomi alla risoluzione autonoma di un problema ho speso indubbiamente del tempo, vi sono modi in cui utilizzando lo stesso tempo avrei potuto produrre di più o produrre qualcosa di migliore? In questo determinato caso ha più senso che io produca di più o che io produca qualcosa di migliore? Qual è il reale bilancio tra quanto tempo ho a disposizione, quanto produco economicamente al lordo con il mio normale lavoro e quanto ho poi speso dovendo demandare ad altri cose che non ho avuto tempo di far da solo? Ci sono casi in cui posso avere più convenienza nel ridurre le mie ore di lavoro a beneficio della risoluzione Fai da Te di un mio problema?”.

Avere tempo oggi è considerato una grande ricchezza se sapete come utilizzarlo al meglio, rendendolo fertile, e se riuscite a ricevere un’ottima istruzione e successiva formazione. Ne va da sé che se viene a mancare uno di questi due fattori non avrete scelta e, per ogni cosa, dovrete sempre demandare la risoluzione di un vostro problema a terzi. Va poi considerato come parametro di ricchezza anche quanto sarete in grado di imparare dalla vostra esperienza e non solo i profitti ricavati (attenzione, non guadagnati ma ricavati… la cifra totale che si ottiene dal lavoro quotidiano può essere anche superiore alla media ma il guadagno che realmente rimane a disposizione di una famiglia può essere facilmente abbattuto quando ogni singola necessità viene soddisfatta da beni e servizi esterni alle vostre sfere di competenza). Questa precisazione per mettere in chiaro che si può anche “far da soli”, ma dipende sempre da cosa e come nonché dalla volontà di acquisire competenze studiando, approfondendo, provando, sempre consci dei rischi verso i quali si può andare e, cosa non da poco, di quanti strumenti trovate disponibili intorno a voi per imparare, a partire dalle scuole, le università, i corsi di formazione, le opportunità e le possibilità di testare la pratica sul campo.

Un innegabile ed ulteriore vantaggio nel fare da soli lo si ha poi, se si è particolarmente specializzati in un campo, con una interessante forma di baratto che consiste nello scambio di beni o servizi professionali autoprodotti con altri beni o servizi di pari livello. Questo può avvenire sia tra privati che tra professionisti con vantaggi di tutto rispetto che tratteremo negli articoli sul DIY che seguiranno. Pertanto dimenticate il Fai da Te come una pratica per fare in autonomia solamente qualche foro di trapano, il taglio di una mensola o la verniciatura/protezione di un portellone di legno. L’insieme entro il quale esiste questo concetto è ben più vasto.

Link correlati

In preparazione

Do It Yourself

Posted in Aspetti psicologici, Società e Neuroscienze, Design, Draw e Style, DIY Do It Yourself, Forse non tutti sanno che/chi è, Imprenditoria, Microeconomia, Marketing, Branding | Tagged: , , , , , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Do It Yourself