Ricarica corpo umano

Hai mai pensato di ricaricarti con la musica?
Pensi di non trovare il tempo?
Bastano 30 minuti al giorno per suonare o imparare a suonare uno strumento…
Il tuo rendimento sul lavoro può migliorare…
Il tuo morale si può sollevare…
Il tuo rapporto con gli altri può migliorare…
Potresti veedere la vita in modo più positivo…
Cerca un live di Chuck Berry e dimmi se non ti sfugge un sorriso quando non ci fai caso : )

Forse non tutti sanno chi sono…

 Alcune delle più grandi aziende del pianeta

  • La più grande azienda al mondo oggi è la Coca Cola Company il valore del suo marchio si aggira intorno ai 73.000.000.000 di Dollari

  • Segue la Microsoft che ha un valore del marchio di 70.000.000.000 di Dollari

  • La IBM si trova al terzo posto con un valore di 44.000.000.000 di Dollari

  • La Nokia si trova al quarto posto con un valore di 38.000.000.000 di Dollari

  • La Disney che produce intrattenimento è all’ottavo posto con un valore di 34.000.000.000 di Dollari

  • La Mercedes è al dodicesimo posto con un valore di 21.000.000.000 di Dollari

  • La Sony è al diciottesimo posto con un valore di 16.000.000.000 di Dollari

  • La Electrolux si trova al diciannovesimo posto con un valore di oltre 14.000.000.000 di Dollari e la sua presenza in 150 paesi del mondo.

  • La XEROX è al ventisettesimo con 10.000.000.000 di Dollari

  • La NIKE al trentesimo con 8.000.000.000 di Dollari

  • IKEA al quarantesimo con 6.000.000.000 di Dollari

  • ADIDAS al cinquantatreesimo con soli, si fa per dire, 4.000.000.000 di Dollari

Tanto per farvi rendere conto con il cambio di oggi di 1 euro = 1,4593 dollari abbiamo che:

73.000.000.000 di Dollari del primo posto in classifica equivalgono a: 50.023.984.101 ovvero oltre 50 miliardi di euro che tradotti in lire sarebbero:

96.859.939.697.115 lire che sarebbero novantasei mila ottocentocinquantanove miliardi di Lire…

Naturalmente se sapete come si considerano gli indici di inflazione in base ad una cifra e periodo storico, sapete anche che il potere di acquisto di questa cifra è comunque minore di quello che avrebbe avuto negli ultimi anni in cui era in vigore la Lira.

E’ interessante osservare come molte delle aziende che si trovano tra i primi posti non siano aziende innovatrici… Il prodotto è sempre quello da anni, vedi Coca cola (che possiede la stessa formula segreta da decenni… tutto qua) o Microsoft che continua a realizzare software basati su intrugli logici non indifferenti e poco pratici.

Al contrario aziende come IBM Nokia Electrolux Sony XEROX, che basano il loro ideale sull’innovazione, si trovano sorprendentemente più indietro.

Distribuzioni a cascata di ingranaggi

Rubrica: Curiosità tecnica da corsa

Titolo o argomento: Distribuzione a cascata di ingranaggi. E la cinghia o la catena?

Gli ingranaggi offrono la maggiore precisione possibile immaginabile ad elevati regimi di rotazione. Significa che le valvole aprono sempre nel momento in cui il progettista desidera che si aprano. Naturalmente in fase di prgetto si tiene conto anche delle dilatazioni termiche ed il conto della fasatura viene eseguito considerando gli ingranaggi alla temperatura di esercizio.

Con una distribuzione a cinghia dentata, non appena superato un determinato numero di giri si avrebbe lo scavallamento della cinghia stessa sulle corone, la rottura della cinghia a trazione, una vibrazione anomala che porterebbe alla rottura precoce ed un surriscaldamento della stessa non indifferente. Tutto questo porta (prima della rottura) a perdere il momento giusto in cui si deve aprire ogni valvola in quanto la cinghia allentandosi e tirandosi violentemente in modo alterno, non assicura il corretto traino delle pulegge.

La catena invece, oltre al rumore impressionante, avrebbe le masse di ogni maglia, sottoposte ad accelerazioni troppo elevate. Pensate se solo si rompesse dove arriverebbero quei piccoli proiettili.

Evitiamo le considerazioni sui momenti di inerzia considerando l’argomento troppo complesso.

Guarda il video sul sito ralph-dte.net | Pagina iniziale sito ralph-dte.net

Un limite imposto dalla sollecitazione di fatica

Rubrica: Curiosità tecnica da corsa

Titolo o argomento: La sollecitazione di fatica impone limiti ben calcolati

A parte rarissimi casi, gli alberi a gomito dei motori automobilistici sono sempre in un sol pezzo. Vengono realizzati mediante fucinatura se sono in acciaio legato, oppure vengono ottenuti per fusione se sono in ghisa a grafite sferoidale. Quest’ultima soluzione è la più economica ed è adatta esclusivamente a motori che devono sopportare sollecitazioni di lieve entità infatti ha un buon rapporto resistenza/costo ma dei valori di carico unitario di rottura e di snervamento inferiori tra il 20% ed il 50%. Per tale ragione non è impiegato per alberi a gomito che devono oltrepassare gli 8000 giri/min.
E’ interessante notare che nei motori di F1 di qualche anno fa (nei quali si viaggiava mediamente a 16.000 giri/min), dove l’uso di acciai alto legati è d’obbligo, era tuttavia necessario provvedere alla sostituzione dell’albero motore e delle bielle dopo ogni gran premio in quanto considerando che:

  • per regolamento un gran premio non può superare le 2 ore di durata (ovvero 7200 secondi),
  • i propulsori siano costantemente al massimo regime di rotazione (vi ricordo che l’esempio si riferisce a motori e regolamenti di qualche anno fa) di 16.000 giri/min (ovvero 267 giri/s),

allora il numero di cicli accumulati dall’albero motore e dalle bielle in un gran premio varrà:

nc= 1.920.000

E dato che il limite del ginocchio della curva di fatica (in questo caso) vale 2.000.000 di cicli, abbiamo 1.920.000 < 2.000.000 cioè i cicli che possono essere effettuati da alberi e bielle in acciaio alto legato, sono sufficienti a coprire la distanza di un solo gran premio. Si nota come l’elevata resistenza meccanica degli acciai al Nichel Cromo Molibdeno, sia comunque fortemente limitata di fronte alle elevate sollecitazioni cui possono essere sottoposti.

Sollecitazioni termiche motore

Immagine tratta da una ricerca sul web. Se siete i proprietari del diritto d’autore dell’immagine,
potete chiederne la rimozione o indicarci il copyright da specificare. Image taken from research
on the web. If you own the copyright of the image, you can request its removal or indicate the
copyright to be specified.

Orecchio e motori. Qualche domanda interessante

Rubrica: Curiosità tecnica da corsa
Titolo o argomento: Sai ascoltare e capire un motore?
Di seguito qualche domanda interessante 😀

Sai perchè in retromarcia si avverte un suono sibilante e con le altre marce no?
Sai riconoscere il suono di un motore V2 da quello di uno 4L?
Sai riconoscere il 2 tempi dal 4 tempi a orecchio?
Sai distinguere il suono del rotolamento del pneumatico dagli altri rumori?
Sai riconoscere il suono di una cinghia di distribuzione troppo stretta?
Sai riconoscere una fasatura sbagliata degli alberi a camme ad orecchio?
Sai riconoscere una distribuzione a catena ad orecchio?
Sai riconoscere una distribuzione a cascata di ingranaggi ad orecchio?
Sai riconoscere diesel da benzina?
Sai riconoscere il rumore dell’iniezione?
Sai riconoscere il rumore delle punterie che funzionano correttamente?
Sai riconoscere una catena di trasmissione (nelle moto) lenta ad orecchio?
Sai riconoscere un modello preferito di vettura da un’altra solo ad orecchio?
Sai riconoscere un rumore anomalo nel rotolamento dei pneumatici?
Sai riconoscere un cuscinetto sballato o malfunzionante solo ad orecchio?
Sai riconoscere un pistone per motori 2 tempi da sostituire mentre il motore è acceso?
Sai riconoscere la presenza di acqua nelle camere di scoppio solo ad orecchio?
Sai riconoscere a orecchio il momento in cui sostituire la cinghia poli V?
Sai riconoscere se uno o più cilindri non vanno per assenza di combustione o alimentazione?
Sai riconoscere dal rumore del motore quando stai esagerando su strada ed è il momento di andare in pista?

Se hai risposto sì (naturalmente ci fidiamo della tua sincerità) a 18 su 20 allora incominci ad essere bravino…

Bielle in mogano

Rubrica: Materiali e motori

Titolo o argomento: Bielle in legno

Circa una decina di anni fa, sul numero di Marzo della rivista “Elaborare” usciva un articolo riguardo le bielle in fibre naturali. Si trattava di una burla (un pesce d’Aprile), un articolo poi smentito nel numero successivo. L’articolo, anche se non veritiero, era molto ben curato e l’autore inventava dettagli che potevano risultare convincenti ad una prima rapida lettura. L’articolo viene riassunto di seguito:

Si è scoperto che le fibre naturali presentano alcuni vantaggi insospettabili per realizzare organi come le bielle. Bielle allo stato prototipale realizzate in legno di mogano hanno dimostrato di possedere un’elevata resistenza a trazione e compressione, una buona elasticità, un’elevata leggerezza che contribuisce alla riduzione delle inerzie e permette di raggiungere buoni regimi di rotazione. Logicamente il dimensionamento di tali organi dovrà essere più generoso rispetto a quello delle stesse in acciaio. Infine si sono potuti osservare interessanti caratteristiche quali l’assenza di conduzione del calore e delle vibrazioni. Le bielle di legno non trasmettendo né calore, né vibrazioni (come invece accade per i metalli) ed offrono un importantissimo incremento della resistenza a fatica. E’ importante notare però che questi componenti fantascientifici devono subire trattamenti speciali quali ad esempio: rivestimenti con sostanze impregnanti, verniciature con vernici di derivazione aerospaziale.

Ora, a distanza di anni, mi chiedo: “Oggi sarebbe possibile avvicinarsi anche minimamente a quanto affermato in questo pesce d’Aprile?” Così… giusto per effettuare qualche curiosa prova di laboratorio su una biella in un sol pezzo, come quelle adottate sui 2 tempi, e stare ad osservare cosa accade su un piccolo motore che lavora ad un ridotto numero di giri e con minimi carichi.

Il metano, ti da sempre una mano? -2-

Utili chiarimenti

Prosegue dall’articolo precedente: “Il metano ti da sempre una mano? -1-

Consigli

E’ brutto dirlo ma ci sono meccanici che rovinano la specie per così dire (come in tutti i lavori del resto); non sono pochi i casi in cui si presentano conti di gran lunga superiori ai 1000 euro senza aver nemmeno smontato il motore o senza che il meccanico si sia occupato di portare il vostro motore a rettificare in un’apposita officina rettifiche specializzata e con macchinari che rispettano realmente le tolleranze.

Questo è possibile quando ad esempio il motore non si è realmente rotto ma la perdita di liquido refrigerante è dovuta ad un manicotto  danneggiato all’interno del vano motore o peggio all’impianto di riscaldamento dell’auto che, pur sempre alimentato dal liquido di raffreddamento del motore, accusa qualche trafilaggio… In tal caso è sufficiente riparare o sostituire la componente che perde l’acqua (può verificarsi anche all’interno dell’abitacolo) e presentare un conto davvero basso… Spesso questo non si verifica.

Molti dicono: “Ma io non ho visto perdite fuori dal motore!” Spesso accade che le paratie montate sotto la coppa dell’olio dalle case automobilistiche trattengano le perdite più ridotte (proprio quelle meno gravi).

Fate una prova, lasciate dei segni indistinguibili sul motore per vedere se è stato veramente smontato. Povate a graffiare alcune viti con delle tacche di riferimento che corrispondano ad altrettante tacche sulla sede della vite. Difficilmente una vite svitata, quando viene rimontata, torna nello stesso punto.

Fate dei segni con lo sporco stesso del motore, con l’olio bruciacchiato… ma soprattutto guardate bene la testata; se il lavoro è stato ben eseguito sarà tutta pulita in quanto i migliori rettificatori nei vari passaggi delle lavorazioni usano pulire i vari componenti per eliminare i trucioli.

Ricordate

di non fare di tutt’erba un fascio. Fortunatamente i meccanici per così dire “furbi” sono una minoranza (o almeno lo voglio sperare); non dimenticate che nel conto che pagate non ci sono solo tot euro di parti da sostituire, bensì anche la dovuta manodopera che è giusto pagare visto che oltretutto si tratta di un lavoro molto faticoso che al termine di una giornata ti riporta a casa distrutto. Ma non solo…

Ricordate inoltre che il titolare dell’officina dovrà pagare i dipendenti, le tasse, gli attrezzi, le spese d’officina e non immaginate quante altre cose come la raccolta degli oli usati, gli adeguamenti alle norme di legge, la manutenzione dei ponti, dell’impianto elettrico, i sistemi di sicurezza, l’anti incendio, la raccolta dei metalli da riciclare ecc ecc.

Non pensate che se 1500 Euro sono una cifra disonesta per certi lavori, la cifra giusta sia la metà… Il più delle volte stiamo parlando di 200-400 euro in meno (importanti per una famiglia) e per un lavoro fatto davvero bene. Non dimenticate che i meccanici non sono tutti uguali come non lo sono tutti gli altri lavoratori.

Il metano, ti da sempre una mano? -1-

Utili chiarimenti

Metano, testate, guarnizioni delle testate, valvole e sedi valvole…
Un insieme di cose che devono essere fatte bene per funzionare altrimenti i costi dovuti a rotture e cattivo funzionamento lievitano e rendono una vettura a metano addirittura più costosa da mantenere rispetto ad una normale vettura a benzina o gasolio.

Facciamo un pò di luce sul tema combustibili alternativi in seguito ad una domanda di chiarimento da parte di un lettore. Iniziamo con il dire che la maggior parte dei problemi che si verificano nei motori alimentati a metano deriva da una maggiore temperatura raggiunta in camera di scoppio durante la fase di combustione. Anche l‘assenza di agenti lubrificanti all’interno del gas, che invece sono presenti nei combustibili quali benzina e gasolio, è determinante per l’affidabilità del motore.

Il maggior calore sviluppato ha un effetto devastante sugli organi di tenuta ed in particolare sulla guarnizione della testata, sulle valvole e sulle sedi valvole (non sono inoltre da escludere gli effetti di un maggiore attrito tra le fasce dei pistoni ed i cilindri. Ricordiamo che la benzina al contrario del metano ha un importante effetto lubrificante sugli organi interni del motore). Spesso si verifica una particolare situazione nella quale è la bruciatura della guarnizione della testata ad innescare danni al motore. In tal caso la causa non è il metano in maniera diretta ma secondaria.

La rottura della guarnizione della testata in seguito alle elevate temperature indotte dalla combustione del metano porta al trafilaggio di liquido di raffreddamento e olio all’interno delle camere di combustione con tutti i problemi meccanici annessi e connessi che ne derivano. Guarnizioni delle testate di migliore qualità riducono moltissimo il problema ma hanno, ovviamente, costi più elevati.

Ma non solo! Anche la sostituzione delle sedi valvole con altre di tipo “sinterizzato” aumenta l’affidabilità dei motori alimentati a gas.

Ricapitolando se modificate un motore aggiungengo un impianto a metano, dovrete installare una guarnizione della testa di pari qualità con quelle da competizione (sempre che esista per il vostro modello di automobile) e montare delle sedi valvole sinterizzate. Nonostante tutti questi sforzi economici, rimane il problema di una minore lubrificazione degli organi interni del motore come ad esempio le fasce dei pistoni. C’è chi propone l’uso di additivi da miscelare all’olio motore ma… tutte queste spese… Vale la pena farle?

Pertanto se un motore adattato a gas (ma in molti casi il discorso è lo stesso per motori che escono dalle case costruttrici già modificati…) si rompe, sappiamo perchè il meccanico ci dice nel preventivo  che bisogna “rifare la testata” e mezzo motore, nonchè una lista di parti infinita…

 metano_500px.jpg

Curiosità

Il lettore che ci ha chiesto di scrivere questo articolo è una ragazza che in famiglia ha due vetture alimentate a metano che, ironia della sorte, si sono rotte nello stesso periodo. Il meccanico ha chiesto alla sua famiglia oltre 1500 Euro a macchina per le riparazioni. Dovrà sostituire le guarnizioni della testata delle due vetture e, come succede in molti casi visto che il cliente non può verificarlo, si limiterà solo a quello…

E’ vero che bisogna spendere così tanto per i motivi sopra citati? La spesa è sicuramente alta ma a tutto c’è un limite. Come in tutte le cose c’è chi “ci marcia” sfruttando l’ignoranza in materia del cliente. Fate molta attenzione, non fatevi trovare impreparati, cercate di andare da un meccanico di fiducia.

Nella realtà (anche se le ipotesi vanno valutate caso per caso e dopo aver visto il motore dentro) si tratta di:

  1. Dover semplicemente sostituire una guarnizione testata del costo di 40 euro circa se la rimettete originale o più del doppio se ne mettete una di elevata qualità resistente a temperature più elevate indotte dal metano.

  2. Dover spianare la testata con una rettifica qualora vi siano errori di planarità in seguito a deformazioni causate dal surriscaldamento (costo operazione altri 40 euro circa, attenzione che molti le mettono in conto ma non le fanno).

  3. Dover ripulire le valvole dall’olio bruciato e qualora occorresse smerigliare o sostituire le sedi delle valvole (costo variabile a seconda della vettura) con altre di tipo “sinterizzato”.

  4. Dover ripulire l’impianto di raffreddamento dall’olio qualora si fossero presentati dei travasi consistenti, altrimenti sostituire solo il liquido di raffreddamento opportunamente miscelato con acqua distillata.

  5. Smontaggio e rimontaggio.

Ora il costo dei componenti è esiguo ma la spesa si alza notevolmente per via della manodopera trattandosi di un lavoro complesso che richiede pazienza e conoscenze. Tutto ciò però non giustifica i 1500 euro a vettura chiesti dal meccanico per riparare le due auto a metano della lettrice.

Continua…

Esaltazione dell’eccellenza

Non mi dilungo nei dettagli tecnici perchè sarebbero per molti incomprensibili.  Ho avuto la gioia di vedere mesi fa in anteprima tutto il motore completamente smontato pezzo pezzo. In realtà non è nemmeno eccessivamente spinto, potrebbe fare molto di più ma si sa… sempre a scapito dell’affidabilità. Va bene così. Sono senza parole. Per qualunque info potete chiedermi qualunque dettaglio del motore, ma so che vi fidate di me se vi dico che molto raramente vedrete di meglio!

I corpi farfallati (gli 8 pezzi al centro dell’immagine) parlano da soli, gli scarichi non sono presenti nella foto ma ve li saluto io non vi preoccupate, i materiali utilizzati, le geometrie dei condotti, i trattamenti termici, la fonderia, l’elettronica, il telaio le sospensioni, l’abitacolo, i materiali, le vernici, la scocca… tutto coniugato per L’ESALTAZIONE DELL’ECCELLENZA. Non si descrive una cosa così. Sicuramente uno dei migliori prodotti della sua categoria.