Caratteristiche tecniche forcella DEBESS Technologies a parallelogramma

CARATTERISTICHE TECHNICHE

Il progettista Claudio De Bei, già negli anni ’80-’90 ha rivoluzionato le sospensioni con diversi accorgimenti tecnici dove la forcella anteriore, a differenza delle tradizionali, presentava una struttura rigida con movimento a parallelogramma comandato da un monoammortizzatore posto sotto il serbatoio. La sospensione funziona con sistema progressivo tramite leveraggi, vi è inoltre la possibilità di regolare l’avancorsa.

Di seguito le caratteristiche tecniche di rilievo che presentano:

  • Un sistema che consente l’escursione verticale della ruota senza alcuna variazione d’interasse e di avancorsa in ogni punto dell’escursione della ruota stessa.
  • Un effetto anti-dive naturale in frenata che limita l’affondamento e le variazioni negative dello spostamento dei pesi.
  • Una rigidità assoluta con assenza di torsioni, flessioni ed osclillazioni rispetto alle tradizionali forcelle telescopiche.
  • Un’elevata sensibilità alle asperità del terreno che non vengono assolutamente trasmesse al pilotatramite gli organi di stezo i quali sono completamente svincolati dal sistema di sospensione.
  • Massima precisione nell’inserimento e nell’uscita di curva anche dopo staccate violente e perfetto mantenimento delle traiettorie impostate che consente elevate velocità di percorrenza di ogni curva.
  • Funzionamento a ridotti angoli di inclinazione dello sterzo che consente grandi doti di maneggevolezza unite a ottinma precisione e direzionabilità sul dritto veloce.
  • La moto utilizzata per il progetto in questione presenta un interasse minore di una tradizionale moto grazie all’escursione verticale della ruota con una diversa ditribuzione dei pesi su due assi che può arrivare all’ottimale ripartizione del 50% all’anteriore e 50% al posteriore.
  • Una forcella che, nel 1991-1992, pesava complessivamente soli 2,8 kg e presentava un ridottissimo peso delle masse non sospese con vantaggi non indifferenti circa la funzionalità e la sensibilità della sospensione stessa.
  • La moto che monta una sospensione a parallelograma ha una geometria dell’avantreno registrabile a piacimento agendo con una particolare chiave sugli eccentrici di regolazione dell’avancorsa per variare l’inclinazione dell’asse dello sterzo.

Continua…

Caratteristiche tecniche forcella a parallelogramma

Link correlati

Forcella a parallelogramma: Un brevetto nato da DEBESS Technologies
Forcella a parallelogramma: Lo schema di base
Forcella a parallelogramma: Il funzionamento
Forcella a parallelogramma: Caratteristiche tecniche
Forcella a parallelogramma: La storia di un’idea della DEBESS Technologies